La gioia del creare e custodire un piccolo angolo di paradiso

Questa è una domenica memorabile: dopo tanti anni di progetti, tentativi andati a vuoto e frustrazioni, sono riuscita a realizzare il terrazzo che volevo, o meglio, almeno il grosso del lavoro!

 Panoramica

 Scaffale con alcune delle piante e degli ortaggi 

Il mio adorato tavolino decorato con cura

La ghirlanda del mio spirito

Le immagini parlano da sole. Tra i colori, la scelta dei materiali, delle piante e dei simboli, qui c'è tutto il mio mondo distillato nella sua essenza. Ci sono anche le sedute delle panchine (che ahimè si intravedono appena) con una stoffa per tappezzeria color ecrù piena di api, coccinelle, farfalle, girasoli e altri fiori, che ho cucito con le mie mani.

Questo progetto (quasi) portato a termine, in un mese che mi permetterà di godermi il terrazzo a lungo, ha del miracoloso, perché vivo in questo appartamento da circa dieci anni, e non sono riuscita a realizzare niente di concreto e bello fino a questo momento. Sono commossa e grata, senza contare che nella mia testa continuano a entrare ispirazioni su ispirazioni, perché ci sono ancora angoli da coprire.

Perché per me era così importante creare questo spazio? Perché non dispongo di un giardino, ed è un po' traumatico, considerato che sono cresciuta in campagna, in mezzo ai campi. E poi c'è una ragione più emotiva: l'atmosfera è molto importante per il mio stile di vita. Che ami il bello si sa da sempre, ma non è facile riuscire a creare esattamente quello che ho nel cervello nel mondo tangibile, vuoi perché non sono single, vuoi perché non ci sono nemmeno gli spazi adeguati, talvolta. Vivere in luoghi armoniosi, puliti, che trasmettano pace e soprattutto siano lo specchio di te aumenta le potenzialità e non lo dico dopo aver letto dei libri, ma perché è quello che provo.

Sul tavolo ho lasciato un saggio: "L'officina della parola" di Stefano Brugnolo e Giulio Mozzi, Sironi Editore, perché dopo aver sgobbato tanto nel mio piccolo angolo di paradiso, nel primo pomeriggio finalmente potrò rilassarmi qui, tra piante, sole e colori e iniziare a studiare un testo fondamentale per il mio prossimo romanzo.

E' o non è magia, questa?

Buona domenica a tutti!!!

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il serpente cambia pelle

E quando credi di essere rimasta una delle pochissime amanti della corrispondenza cartacea...

Recensione: “Attraversare i muri – un'autobiografia” di Marina Abramovic'